Seconda edizione del concorso internazionale di composizione Sounds of Silences

Attraverso l’interpretazione sonora di pellicole storiche del cinema muto i capolavori dimenticati del silent cinema oggi tornano visibili anche per il grande pubblico.
La musica può diventare una dei principali artefici di questa rinascita a partire dall’attenzione verso il timbro che caratterizza la musica strumentale, elettronica ed elettroacustica. Non semplicemente “accompagnando”, ma rivelando contenuti nascosti, dando voce nuova a quanto altrimenti silenzioso, il suono di oggi può contribuire ad una ridefinizione del senso, dell’estetica e della struttura nel cinema che precede l’avvento del sonoro.


In questo quadro e nell’ambito del progetto “SIAE – Classici di Oggi”, l’associazione Edison Studio in collaborazione con la Cineteca di Bologna e il Romaeuropa Festival bandisce la seconda edizione del concorso internazionale di composizione musicale per le immagini Sounds of Silences con lo scopo di stimolare la creatività musicale nella sua interazione con il mezzo audiovisivo.


L’edizione 2017 del concorso sarà dedicata al cinema di Buster Keaton.


Nella fase preliminare del concorso i concorrenti dovranno inviare una opera audiovisiva di cui avranno composto la parte musicale. Una prima giuria selezionerà tra i partecipanti una rosa di cinque finalisti che saranno invitati a realizzare in quattro mesi di tempo una colonna sonora elettroacustica per un mediometraggio degli anni del muto di Buster Keaton scelto da Edison Studio in collaborazione con la Cineteca di Bologna. Una seconda giuria internazionale assegnerà i premi ai concorrenti finalisti nel corso di un evento pubblico organizzato nell’ambito del Romaeuropa Festival 2017. Il monte premi del concorso è di 6000 euro.


Regolamento


1) L’associazione Edison Studio, in collaborazione con la SIAE, la Cineteca di Bologna e il Romaeuropa Festival, bandisce la seconda edizione del concorso internazionale di composizione per le immagini “Sounds of Silences”.


2) Il Concorso è rivolto a tutti i compositori di qualsiasi nazionalità nati dopo il 31/12/1981. La partecipazione al Concorso può essere sia individuale, sia collettiva. Non è ammessa la partecipazione dei compositori premiati nella passata edizione del concorso.


3) Per partecipare al concorso i candidati dovranno, entro il 15 maggio 2017 alle ore 18:00, compilare il modulo d’iscrizione on-line disponibile in italiano e inglese all’indirizzo http://soundsofsilences.edisonstudio.it/regolamento.php accettando la predisposta dichiarazione attestante la paternità della colonna sonora presentata e l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.
Nel modulo d’iscrizione on-line andrà indicato un link non pubblico per la visione in streaming dell’opera con cui si intende partecipare alla prima fase del concorso (ad esempio Vimeo, Youtube, ecc.).
L’organizzazione del concorso non è responsabile di qualsivoglia problema legato alla qualità dello streaming dell’opera.

Per la parte visiva è facoltà dei concorrenti utilizzare un video originale oppure pre-esistente in quanto la valutazione sarà effettuata esclusivamente sul rapporto tra il suono e l’immagine in movimento. Ciascun candidato potrà partecipare con un’opera da lui composta ed eventualmente anche con una seconda opera purché firmata insieme ad almeno un altro autore.

La segreteria del Concorso comunicherà ai concorrenti la corretta ricezione del modulo d’iscrizione entro il 15 giugno 2017.


4) Il Concorso si svolge in tre fasi:

4.1) Preselezione
I lavori ricevuti dai concorrenti correttamente iscritti saranno visionati da una prima giuria internazionale composta da:

  • Simon Atkinson (compositore e docente presso Media School, DMU University Leicester, U.K.).
  • Brett Battey (compositore, visual artist, e docente presso Media School, DMU University Leicester, U.K.).
  • Andrew Bentley (compositore e docente di tecnologia della musica presso la Sibelius Academy, Helsinki).
  • Anders Mattias Bye (compositore, pianista, autore di colonne sonore per il cinema muto).
  • Giulio Latini (docente di Comunicazione Multimediale presso l’Università di Tor Vergata).
  • Kent Olofsson (compositore e docente al Inter Arts Center - Lund University, Svezia).
  • Paolo Pachini (compositore e videoartista, docente di Composizione Audiovisiva Integrata al Conservatorio di Musica di Trieste).
  • Barry Truax (compositore e docente presso la Simon Fraser University Vancouver, Canada).
La giuria selezionerà una rosa di cinque opere fra quelle ricevute. Gli autori dei lavori selezionati saranno ammessi alle successive fasi del Concorso. La segreteria del Concorso comunicherà gli esiti della selezione e i nominativi dei concorrenti finalisti, sui siti dell’organizzatore e dei partner e agli organi di stampa entro il 15 giugno 2017.


4.2) Composizione
Ciascuno dei concorrenti o gruppi selezionati sarà invitato entro il 10 luglio 2017 a realizzare una colonna sonora originale per un mediometraggio di durata non superiore ai 25’ sorteggiato fra cinque film di Buster Keaton scelti da Edison Studio in collaborazione con la Cineteca di Bologna.
Per partecipare alla fase finale del concorso i finalisti dovranno, entro il 20 Ottobre 2017,

• inviare all’indirizzo soundsofsilences@edisonstudio.it tramite Wetransfer (www.wetransfer.com) il mediometraggio con la propria colonna sonora in formato stereo (qualora le caratteristiche del file siano tali da non rendere possibile l’invio via wetransfer, l’opera inviata in altro modo dai concorrenti dovrà essere comunque ricevuta dalla Associazione Edison Studio entro il 20 Ottobre 2017 alle ore 18:00;

• dovrà inoltre essere inviata all’indirizzo soundsofsilences@edisonstudio.it
a) una descrizione dell’opera in italiano o in inglese di non più di 600 parole
b) un curriculum del candidato o del gruppo in italiano o in inglese di non più di 600 parole
c) una propria foto in formato JPG/JPEG con risoluzione minima di 300 dpi
d) una predisposta dichiarazione in cui i concorrenti dichiarano la paternità della colonna sonora presentata, il non aver in alcun modo concesso a terzi diritti di utilizzazione economica della stessa prima del termine del concorso, l’impegno a non presentare pubblicamente l’opera audiovisiva prima della giornata finale sotto specificata.


4.3) Finale e premiazione
I lavori dei cinque finalisti correttamente inviati saranno presentati in una manifestazione pubblica programmata sabato 28 Ottobre 2017 presso gli spazi del Macro Testaccio La Pelanda, nell’ambito del Romaeuropa Festival 2017. Una giuria internazionale presieduta da Monique Veaute (presidente Fondazione Romaeuropa) e composta da Andrea Ravagnan (Cineteca di Bologna), Alvin Curran (compositore), Andrew Bentley (compositore), Giulio Latini (Università di Tor Vergata), riunita collegialmente dopo la proiezione, assegnerà i premi. Qualora l’opera premiata sia realizzata da un gruppo il premio sarà diviso in parti uguali fra gli autori. La giuria si riserva il diritto di non assegnare premi, come anche di assegnare premi ex-aequo.


5) Premi
1° Premio €3.000
2° Premio €2.000
3° Premio €1.000
Il corrispettivo spettante agli autori delle opere vincitrici per la propria partecipazione e vincita sarà limitato unicamente al premio indicato nel presente regolamento. Gli autori delle opere vincitrici non potranno avanzare alcuna ulteriore richiesta per l’ottenimento di un qualsiasi corrispettivo derivante dall'utilizzo della loro opera da parte degli organizzatori per i fini promozionali legati al concorso, fatto salvo quanto stabilito dal diritto d'autore.


6) La Direzione Organizzativa del Concorso si riserva di apportare, qualora dovessero intervenire motivi di forza maggiore, le modifiche ritenute necessarie al presente regolamento.


7) L’invio del modulo d’iscrizione al Concorso comporta per i concorrenti l’accettazione di tutte le norme del presente regolamento.


8) Il mancato rispetto da parte dei concorrenti di quanto previsto del presente regolamento comporta l’esclusione dal Concorso.


9) In caso di contestazioni farà fede la versione italiana del presente regolamento. In caso di controversie il Foro competente è quello di Roma.


Per informazioni: soundsofsilences@edisonstudio.it


Iscriviti ora! Torna alla home